Sede Operativa
Via Faenza, 52
50123 FIRENZE

Tel. 320 9710211
C.F. 94114010484

info@insiemepersanlorenzo.it

A
Home >> Assemblea Annuale riservata ai Soci



ASSEMBLEA ANNUALE RISERVATA AI SOCI    

Lunedì 26 marzo 2007 alle ore 21.00

presso i locali della Centro Anziani del “Fuligno”, Via Faenza 52

si svolgerà in seconda convocazione l'assemblea annuale di tutti i soci dell’Associazione “Insieme per San Lorenzo”


All’ordine del giorno
:
1. Relazione attività
2. Presentazione Bilancio 2006
3. Discussione sui problemi del quartiere e sulle iniziative urgenti da prendere
4. Organizzazione della manifestazione di aprile sul cantiere di S. Orsola
5. Varie ed eventuali


Il Presidente
Alessandro Savorelli

Prima convocazione domenica 25 marzo ore 12.00

La partecipazione all'assemblea è riservata ai soci

 

Note:
Il 2006 è stato un anno intenso di lavoro per l’Associazione, che ha proseguito nella sua attività volta ad affrontare i gravi problemi del quartiere. Il punto focale su cui si è concentrata la nostra attenzione è il problema del cantiere di S. Orsola. In Ottobre, dopo l’allestimento al Mercato Centrale di una mostra fotografica e documentaria e la raccolta di centinaia di firme di cittadini e residenti, l’associazione ha promosso un incontro sul recupero dell’immobile, volto a fare il punto sulla situazione relativa al passaggio di proprietà dallo Stato al Comune e sui progetti di recupero. La situazione è ancora fluida, nel senso che il protocollo d’intesa siglato nel 2004 dal Comune, dal Demanio e dall’Università non è stato ancora perfezionato. Il Comune ha dato il via allo studio di un progetto di fattibilità che dovrebbe fornire le linee guida del recupero e della valorizzazione dell’immobile, ma per il momento si è ancora in una fase di stallo.
In attesa del varo di una soluzione definitiva della questione, per la quale l’Associazione continua a impegnarsi e a svolgere una funzione di stimolo nei confronti dei vari enti pubblici coinvolti, un primo importante successo invece è stato conseguito con l’inizio dei lavori di smontaggio dei ponteggi del cantiere. A seguito delle pressioni dell’Associazione e dei cittadini, il Demanio, ha finalmente aderito alla richiesta di togliere questi ingombri che da decenni deturpano l’area con le conseguenze che tutti conoscono. I lavori sono cominciati alla fine di febbraio 2007 e si prevedono della durata di due mesi.
Questa circostanza dimostra che la costanza e la tenacia dei residenti e delle loro associazioni ottengono dei risultati concreti.
Lo smontaggio delle impalcature e la concomitante messa in sicurezza dell’immobile, con la chiusura provvisoria delle aperture è tuttavia, a nostro parere, solo un risultato parziale e non un punto d’arrivo, ma un punto di partenza. Nell’immediato è necessario che cittadini e residenti facciano sentire la loro voce onde evitare che l’operazione rimanga fine a se stessa. Occorre garantire il perfezionamento degli accordi presi tra Comune e Stato e l’avvio definitivo del progetto.
Anche la fase dello smontaggio delle impalcature tuttavia non potrà conseguire risultati automatici se i cittadini non vigileranno sull’operazione e non otterranno le adeguate garanzie sulla gestione della fase transitoria. Occorre fare in modo che l’area, una volta liberata dalle superfetazioni riacquisti un minimo di vivibilità e di regole, attraverso richieste precise (illuminazione, intervento sanitario straordinario sugli esterni, ripristino dei marciapiedi, ripulitura delle bocchette di scarico, eliminazione dei rifiuti a cielo aperto, ripristino della viabilità e delle aree di parcheggio, vigilanza sul rispetto dell’area nella fase transitoria etc.). Senza queste garanzie, come è fatale, anche se “ripulito” dai ponteggi l’esterno di S. Orsola rischia lentamente di ridiventare un’occasione di accumulo di sporcizia, degrado e illegalità.
Proprio su questo punto l’Assemblea dei soci è chiamata a esprimersi onde promuovere le adeguate iniziative nei confronti degli Enti pubblici interessati (Comune, Demanio, Quadrifoglio, VV.UU., ASL etc.).
L’Associazione intende a tal fine svolgere una pubblica manifestazione di piazza a metà aprile, per sollecitare l’Amministrazione comunale a prendere impegni concreti nella direzione suddetta. Solo se questa manifestazione vedrà la partecipazione di massa dei cittadini potrà avere la forza di tenere alta l’attenzione sul cantiere e impedire che si scivoli in un nuovo periodo di incuria.
La mobilit azione dei cittadini è vincente se è convinta e decisa: nell’ottobre 2006 un grosso risultato è stato ottenuto con una mobilitazione di questo tipo, promossa dal Comitato di Piazza Indipendenza e dall’Associazione Insieme per San Lorenzo. La manifestazione, cui aderirono centinaia di cittadini che sfilarono ordinatamente in corteo toccando tutti i luoghi di maggior degrado del quartiere e che richiamò l’attenzione delle pubbliche amministrazioni e della stampa, ha conseguito in breve tempo un risultato tangibile: il degrado di Piazza indipendenza è stato arrestato e si sono ripristinate condizioni di agibilità e igieniche accettabili.
Il successo di questa iniziativa spinge a fare altrettanto per l’area S. Orsola-Mercato, che è diventata sempre più ingestibile. L’intervento sull’esterno di S. Orsola può essere il primo passo: ma bisognerà spingere insieme alle associazioni di categoria per un recupero anche dell’area adiacente di Piazza del Mercato, che è in condizioni indecenti.
Per tutti questi motivi, l’assemblea del 26 marzo è un appuntamento importante.
Confidiamo nella massiccia presenza dei soci, nel loro apporto di idee alla discussione e nel loro impegno a partecipare, promuovere e pubblicizzare, nelle forme da decidere, la manifestazione di aprile e le altre iniziative per l’anno in corso.

 

Associazione "Insieme per San Lorenzo"
Sede operativa: Via Faenza, 52
50123 Firenze
Tel. 320 9710211
insiemepersanlorenzo@email.it

www.insiemepersanlorenzo.it